Come Creare un Sito di Viaggi che Funziona: La Guida Definitiva

Il Viaggio è un’esperienza divertente e coinvolgente. Non si può dire lo stesso per i siti di viaggi.

Le persone che decidono di viaggiare vogliono godersi l’esperienza fin da subito. Appena iniziano a digitare la destinazione preferita nella ricerca di Google.

Un sito di Viaggi dovrebbe pensare principalmente a questo prima di concentrarsi nella vendita di pacchetti e offerte.

Se vuoi che il tuo sito di viaggi decolli nel vero senso della parola devi emozionare l’utente.


Il SUO viaggio deve iniziare dal TUO sito.


7 Best Practice per rendere il tuo Sito di Viaggi Affascinante

sito di viaggi

1. Mobile

La maggior parte degli utenti porterà con se solo il telefono in viaggio.

Il tuo sito deve poterli accompagnare ovunque e quindi dev’essere necessariamente pensato per i dispositivi mobili.

2. Velocità

Il sito deve essere veloce.

Gli utenti si troveranno tipi di connessioni differenti durante il loro viaggio (hotspot wifi, connessioni lente, 3G del gestore).

Il tuo sito deve riuscirsi a caricare velocemente anche con connessioni molto lente altrimenti verrà facilmente abbandonato per un servizio più veloce.

3. Interfaccia comoda e chiara

L’utente deve avere la possibilità di navigare nel sito con facilità.

Deve capire subito dove trovare le informazioni di suo interesse: dove sta la casella di ricerca, dove sbirciare l’itinerario (o itinerari) proposti, dove mangiare e bere una volta arrivati, che trasporti ci sono e così via.


Template WordPress Interessanti:

Non sai usare WordPress? Hai bisogno di qualcuno che ti aiuti a costruire il sito e personalizzarlo? Da un’occhiata qui »


4. Contenuto Ricco

Per contenuto ricco non intendo lungo. Non serve inserire papironi che alla fine non leggerà nessuno.

Per contenuto ricco intendo contenuto di valore che possa soddisfare le esigenze del cliente.


Cerca di metterti nei suoi panni. Pensa di essere tu quello che deve fare un viaggio. Cosa vorresti sapere? Cosa ti potrebbe essere utile conoscere prima di partire? E durante?


5. Foto ad alta risoluzione

Un sito di viaggi deve emozionare giusto? È fondamentale trasportare l’utente nel luogo che andrà a visitare prima ancora della sua partenza. Per questo servono immagini belle e ad alta risoluzione.

Nei siti di Microstock (es. Fotolia) troverai un sacco di foto a disposizione per pochi euro che però fanno la differenza.

6. Storia dell’Azienda

Sembra banale ma molti siti di viaggi non hanno una pagina dedicata all’Azienda.

All’utente piace scoprire nuove storie. I viaggiatori amano le storie.

Racconta un po’ di te, di com’è nata l’idea di aprire un sito di viaggi, da chi è composto il team, se avete delle guide o delle persone che collaborano con voi in giro per il mondo.

7. SEO

Come sempre non serve solo scrivere bene. È necessario curare il contenuto anche per i motori di ricerca.

  • Cerca d’individuare la/le parole chiave per cui vuoi farti trovare e concentrati su quelle
  • Cura la punteggiatura (h1, h2, elenchi puntati, grassetto, corsivo, spazi bianchi)
  • Carica la sitemap del sito sulla Search Console
  • Installa Analytics per monitorare le visite
  • Crea contenuti utili (slide, infografiche, risorse gratuite) che invoglino la condivisione per ottenere backlink di valore al sito

Sito di Viaggi: le tipologie

viaggiare

Online esistono diverse tipologie di siti web a seconda di quello che si vuole ottenere e delle risorse a disposizione. I siti di viaggi più comuni sono:

  • Tour Operator – sito abbastanza grande che presenta un certo numero di tour per diversi paesi.
  • Tematico – sito dedicato a un gruppo di paesi che si trovano in una determinata area.
  • Specifico – sito che si dedica a un unico paese o città.
  • Portale turistico – sito molto grande. A volte dedicato a un’unica regione o a una meta in particolare (mare, montagna, lago).

Copiare dalla Concorrenza

turisti per caso

Forse copiare è una parola grossa, ma dare una sbirciatina alla concorrenza non fa mai male. Anche per capire come si muovono, cosa fanno per aggraziarsi i clienti, che strategie utilizzano.

Per il settore viaggi ci sono tantissimi siti da cui prendere spunto. Ecco un piccolo elenco:

La tipologia di sito migliore: specifico per città

città da visitare

Sul web ci sono davvero tanti (troppi!) siti di viaggio. Se stai iniziando adesso e vuoi aprire un sito di viaggi ti do una cattiva notizia: non riuscirai mai a competere con i grandi portali.

L’unico modo per riuscire a competere è crearti una piccola nicchia e realizzare un sito specifico.

Crea un portale dedicato a una singola città. Una città che conosci bene ovviamente e a cui puoi “accedere” con facilità.

Cosa interessa alla gente?

Cose da vedere e da fare

Crea una sezione dove inserire tutte le cose da fare e da vedere in città.

Organizza tu l’itinerario per il viaggiatore. Dagli alternative diverse:

  • itinerario gastronomico
  • itinerario a piedi
  • itinerario artistico
  • itinerario in bicicletta

Ci sono tantissime cose che puoi proporgli.


A me per esempio piacciono un sacco gli itinerari proposti nelle gallerie della metropolitana di Roma.

Se fai un salto a Roma facci caso. Per esempio c’è l’itinerario “Angeli e Demoni” che mostra tutti i luoghi citati da Dan Brown nel suo libro, oppure l’itinerario cinema con i punti clou dove registi italiani e internazionali hanno girato i loro film.


Dove bere e mangiare

I ristoranti e Pub tipici per bere e mangiare qualcosa di buono. Magari con le recensioni dei turisti che ci sono già stati.

Sarebbe bello inoltre creare dei contatti con i ristoratori per offrire buoni sconto e omaggi ai viaggiatori che acquistano tramite il tuo sito.

Curiosità

Curiosità, luoghi nascosti, leggende e storie legate al posto.

Ricorda sempre che alle persone piacciono tanto le storie, soprattutto quelle un po’ strane e curiose. Vorranno approfondirle e non vedranno l’ora di partire.

In questa sezione puoi metterti d’accordo con visite guidate per dare agli utenti la possibilità di organizzare un viaggio interessante.

Sconti, offerte, risparmio

Ovviamente qui arriva il tuo turno.

Dopo aver ingolosito l’utente mostrandogli tutto quello che può fare nella tua città, è arrivata l’ora di proporgli la tua offerta!

Capitolo Bonus

travel blogger

Oltre a quanto appena detto ci sono ancora alcuni dettagli che puoi aggiungere al tuo sito e alcune cose che puoi fare per migliorare l’esperienza dei tuoi utenti.

1. Inserisci un Widget Meteo nella Sidebar

Se hai deciso di seguire il mio consiglio e realizzare un sito specifico per una città in particolare, inserisci un widget con le previsioni meteo in tempo reale.

Se riesci, in base al tempo che fa e alla stagione del periodo potresti proporgli degli itinerari specifici: esempio, se quel giorno piove, proponigli dei musei interessanti da andare a vedere.

2. Consulente Online

Permetti all’utente di contattarti con una chat online o con un canale di consulenza privato.

In questo modo non rischierai di perdere utenti per strada. Magari quegli utenti indecisi che non sanno bene cosa fare e che hanno solo bisogno di una piccola “spinta” da parte tua.

3. Collabora con i Travel Blogger

Ormai essere travel blogger è quasi di moda. Ce ne sono tantissimi in giro, alcuni molto bravi e simpatici.

Fai una piccola ricerca e contatta alcuni di loro.

Chiedi se gli interessa una collaborazione con il tuo portale in cambio di voucher, sconti o ricariche postepay.

A te fa comodo soprattutto se la città che stai pubblicizzando è un po’ distante.

Puoi chiedere che ti scrivano articoli, che facciano foto o video da pubblicare nei social.

Link Utili

Come ho creato un tour operator in 30 mosse »
8 Consigli per Diventare Un Travel Blogger di Successo »

By | 2018-01-13T14:17:25+00:00 marzo 22nd, 2017|Siti Web|

About the Author:

Mi chiamo Alessia e mi occupo di Grafica e Web Design. Gestisco il blog "Alessia Design" dove parlo di Web Design, Grafica e lavoro Freelance. Collaboro con un'azienda di Roma che crea Applicazioni per Smartphone e realizzo Siti Internet per piccole e medie imprese.

Leave A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.